A3 - PIANO FORESTALE COME LULUCF

albero

L'obiettivo è attivare un processo di caratterizzazione del Piano forestale e del sistema di attività legate alla foresta e alla gestione delle risorse naturali, al fine di incidere sulla capacità di assorbimento di anidride carbonica, assicurando la sostenibilità economica.

 

Oltre alle misure per contenere e ridurre la produzione di gas serra, il Protocollo di Kyoto prevede una vasta gamma di misure in attività agricole e forestali note come "Land Use, Land Use Change and Forestry" o LULUCF. L'equilibrio tra emissioni e assorbimenti derivanti da cambiamenti nelle forme di uso del suolo possono essere inclusi, secondo le norme contabili, nei bilanci nazionali dei gas serra. La gestione LULUCF avrebbe dovuto cominciare nel 1990, che viene preso come anno base per i calcoli e deve essere indotta dall'uomo (i risultati devono essere intenzionali e conseguenti ad azione diretta, volontaria, non naturale). Gli Accordi di Marrakech hanno identificato quattro "attività aggiuntive" che possono essere utilizzate per mantenere gli impegni nazionali di riduzione delle emissioni di gas serra: la gestione delle superfici forestali, la gestione dei terreni agricoli, ri-vegetazione dei pascoli e la pascolatura.

 

L'azione prevede l'analisi e la ridefinizione dei piani forestali, in termini di strategie locali definite per il raggiungimento degli obiettivi generali del progetto in termini di riduzione delle emissioni e maggiore capacità di assorbire CO2 da parte dei "serbatoi" potenzialmente esistenti all'interno delle aree.

life new

ecomap banner-italy

ecomap banner-greece

co2

Calcolatore CO2

Market  CO2

 

outputdef

 

mercatovol

voluntary carbon exchange market

Leyman's Report

Final Report

youtube Canale Youtube del Progetto
fb Profilo Facebook del progetto



 

 pattosindaci

sun

anci

craet def