OBIETTIVI

moneta fogliaPromuovere un approccio partecipato e diffuso a livello locale alla definizione di politiche e all'adozione di metodi e strumenti orientati alla riduzione delle emissioni e all'aumento delle capacità di assorbimento di CO2, attraverso la sperimentazione di modalità di governance locale, con particolare riferimento alla gestione delle foreste e della montagna, per la pianificazione di azioni di riduzione, l'adozione di strumenti per la contabilizzazione e la compensazione delle azioni di riduzione o aumento delle capacità di assorbimento delle emissioni di CO2.

 

Contribuire al raggiungimento degli obiettivi di Kyoto, anticipando l'adozione di strumenti sviluppati negli ultimi anni per la contabilizzazione, la pianificazione di azioni di riduzione e compensazione, la comunicazione e la valorizzazione economica attraverso incentivi e meccanismi di mercato connessi con il tema della riduzione delle emissioni climalteranti.

 

Sperimentare strumenti di governance locale di accompagnamento per la definizione di azioni locali per l'attuazione del protocollo di Kyoto attraverso metodi partecipati volti a coniugare obiettivi globali di riduzione delle emissioni con obiettivi locali di sostenibilità, favorendo le specificità e le vocazioni territoriali nell'Appennino Meridionale.

 

Il progetto è articolato in tre percorsi paralleli. In primo luogo si intende concorrere alla riduzione delle emissioni di CO2 agendo sui consumi di energia in maniera diretta, attraverso la definizione e l'introduzione di azioni di energy management, in secondo luogo si intende fornire gli strumenti a livello locale per definire una strategia locale per il controllo dei cambiamenti climatici. Sotto questo aspetto particolare, l'idea è quella di individuare, con un processo partecipato a livello locale e il coinvolgimento di enti diversi (scuole, comuni, enti pubblici, ecc.), quali possano essere gli interventi di razionalizzazione e riduzione dei consumi, anche con azioni marginali. Infine, si intende agire in maniera indiretta sulla riduzione delle emissioni promuovendo l'introduzione di procedure di acquisto verdi (Green Public Procurement) e di efficientamento energetico di edifici e impianti pubblici.

 

In secondo luogo, intende aumentare le capacità di assorbimento di CO2. Ciò significa agire direttamente su quelli che vengono definiti i "serbatoi" (sink) di CO2, agendo sul coinvolgimento degli attori istituzionali per assicurare la caratterizzazione degli interventi di gestione dei "serbatoi" da parte degli enti competenti. Gli enti montani , deputati alla gestione dei "serbatoi naturali" possono incidere sulla gestione complessiva degli effetti indotti dal cambiamento climatico, ridefinendo i normali strumenti di gestione (es.: Piano Forestale) caratterizzandoli per una migliore capacità di valutazione e contabilizzazione delle capacità di assorbimento.Per terzo, la creazione di un mercato volontario risponde alla necessità di promuovere in maniera spontanea azioni di incremento delle capacità di assorbimento di CO2 valorizzando gli scambi di attività in favore dell'ambiente e dell'ecosistema naturale.

 

I tre ambiti d'intervento - che integrano logiche dimostrative e innovative - vengono denominati SAF SINK AND FORESTRY; CBMK CARBONMARKET; OZM O-ZONE MANAGEMENT.

life new

ecomap banner-italy

ecomap banner-greece

co2

Calcolatore CO2

Market  CO2

 

outputdef

 

mercatovol

voluntary carbon exchange market

Leyman's Report

Final Report

youtube Canale Youtube del Progetto
fb Profilo Facebook del progetto



 

 pattosindaci

sun

anci

craet def